Laboratoriosipuo.net
Condividici:
Testo:

Turismo, presentata la nuova carta escursionistica Valli del Cedra e del Parma

Turismo, presentata la nuova carta escursionistica Valli del Cedra e del Parma

E’ stata presentata in Provincia la nuova carta escursionistica Le valli del Cedra e del Parma, realizzata dalla Provincia di Parma, in collaborazione con il Parco Nazionale dell’Appennino Tosco-Emiliano, i Parchi del Ducato, il Parco dei cento Laghi, l’Unione Montana Appennino Parma Est.

La carta è stata finanziata con fondi del Psr - Piano di sviluppo rurale 2007 – 2013 e da SOPRIP, nell’ambito di un progetto di qualificazione dell’offerta turistica delle stazioni di Prato Spilla, Lagdei - Lago Santo, Lagoni e Schia-Monte Caio. Obiettivo: valorizzare e incentivare le attività agrituristiche, l’ospitalità rurale e le produzioni eno-gastronomiche nell’area del Parco Nazionale Appennino Tosco-Emiliano.

Riporta 66 sentieri escursionistici pedonali, tra i quali l’Alta Via dei Parchi  e parte della Via Francigena, e offre utili informazioni sui Parchi e sulle stazioni turistiche dell’area, oltre a un elenco delle emergenze antropico-ambientali del territorio, norme di comportamento e avvertenze per gli escursionisti e informazioni sul turismo accessibile.  

E’ possibile trovare la nuova carta escursionistica al Parma Point di via Garibaldi e allo IAT di Piazza Garibaldi a Parma, allo IAT in Strada Castello Torrechiara, nelle stazioni di Lagdei e Pratospilla. 

“Unire l’aspetto ambientale e lo sviluppo del territorio significa fare buona promozione – ha affermato Giampaolo Cantoni, Consigliere provinciale Delegato ai Parchi - La carta è uno strumento indispensabile di conoscenza: vallate incontaminate, vedute panoramiche di straordinaria bellezza che si possono gustare meglio se si è accompagnati da una buona carta turistica”. 

“Il sistema dei Parchi è impegnato nella promo commercializzazione, si stanno rinnovando le gestioni con giovani che creano cooperative e lavorano sulla promozione integrata - ha spiegato Agostino Maggiali Presidente Ente Gestione Parchi e Biodiversità Emilia Occidentale - Siamo impegnati anche in vista dell'Expo, per dare vita a sinergie importanti”. 
 
“Il primo obiettivo è la qualità: ed è ciò che hanno in mente tutti gli interlocutori che lavorano per la promozione del territorio - ha sottolineato Claudio Moretti Consigliere provinciale Delegato all’Agricoltura - Qualche anno fa chi si occupava di agricoltura avrebbe avuto poco da dire alla presentazione di una carta escursionista, ma oggi sono cambiati gli equilibri e il nostro patrimonio va salvaguardato e potenziato sotto tutti i punti di vista”. 

“Anche la realizzazione di una carta escursionistica è vitale per l’economia della montagna: questi luoghi vanno tutelati, ma anche spiegati, soprattutto ai giovani - ha ricordato Matteo Cattani vicesindaco di Corniglio - Questi strumenti indicano che in Appennino ci si può vivere e che l’economia di questa zona può essere sviluppata in termini innovativi”.  

“E’ molto importante l'aggiornamento dei dati per garantire la fruibilità turistica: solo così si aprono le porte al turista e all'escursionista - ha affermato Fabrizio Russo Presidente CAI sezione di Parma, associazione da sempre impegnata nella cartografia e nella sentieristica.



Potrebbe interessarti:http://www.parmatoday.it/cronaca/carta-escursionistica-valli-cedra-parma.html
Seguici su Facebook:http://www.facebook.com/ParmaToday